martedì 7 giugno 2011

Non leggere il testo di una conferenza

Icona di un un documento di testo. Fonte: Tango Desktop Project
Fonte: Tango Desktop Project
Sembra incredibile, ma nel XXI secolo c'è ancora chi legge un testo in una conferenza pubblica, anche di divulgazione scientifica, e non è in grado di parlare o improvvisare senza un copione.

Ecco alcune ragioni per non leggere durante una conferenza:
  • è una mancanza di rispetto verso i presenti (perché mi fai attraversare la città per ascoltare un testo scritto? perché non lo pubblichi e me lo lasci leggere per conto mio?)
  • leggere rafforza il distacco percepito fra la scienza e il pubblico
  • il linguaggio scritto è diverso da quello parlato e il contrasto si nota
  • ascoltare un testo scritto può risultare noioso
Chi vuole parlare di scienza ma non è in grado di tenere un discorso senza leggere dovrebbe evitare di intervenire pubblicamente. Meglio pubblicare un articolo.

Le occasioni formali in cui è necessario attenersi a dichiarazioni precise e concordate sono molto rare.

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti sono moderati e richiedono l'approvazione di Paolo Amoroso prima della pubblicazione. Paolo si riserva di rifiutare quelli contenenti spam, insulti, farneticazioni pseudoscientifiche, o che non sono appropriati secondo il suo insindacabile giudizio. Inviando il commento ti assumi la responsabilità del suo contenuto. Dopo la pubblicazione del commento Paolo non accetterà richieste di cancellazione.