venerdì 29 dicembre 2006

LA7 DOC, "Apollo 11: la storia mai raccontata": il solito sensazionalismo

John I. Ella entrò in garage e salì in macchina per andare al lavoro. Il motore si accese solo al quinto tentativo. Doveva fare presto, altrimenti i letali gas di scarico del motore lo avrebbero avvelenato nel garage semichiuso.

Sulla strada statale le auto sfrecciavano accanto a quella di John a velocità relative di ben 10.000 metri l'ora, costringendo la sua adrenalina a turni straordinari. Poco prima della scarpata di Badluck Ridge John si accorse con sgomento che il parabrezza appannato riduceva la visibilità.

Quali incognite lo attendevano a Badluck Ridge? Sarebbe riuscito a mantenere il controllo evitando di investire l'auto davanti a lui? E se non ce l'avesse fatta, come avrebbe potuto salvarsi dal rogo di una possibilie cisterna colma di benzina che fosse sopraggiunta poco dopo?

Ma c'era qualcosa che John non sapeva... Se fosse caduto giù per quella scarpata di 680 metri, l'airbag non l'avrebbe salvato. Come dimostra un rapporto riservato, il costruttore dell'auto sapeva, ma aveva nascosto il rischio nel libretto di istruzioni.

John avrebbe riabbracciato la bellissima moglie e gli splendidi figli?
Questa storia immaginaria cerca di creare un'atmosfera di continuo dramma imminente evitato per un soffio, ingigantendo ogni minimo problema e rischio potenziale. Circostanze normali e prevedibili che non preoccupano chi ha familiarità con le situazioni narrate.

Che effetto farebbe quest'atmosfera di suspense con la storia di una missione spaziale, per esempio Apollo 11? Non c'è bisogno di immaginare, sarebbe bastato vedere ieri sera alle 21:30 in TV su LA7 il documentario Apollo 11: la storia mai raccontata, per il programma LA7 DOC.

Il solito minestrone di sensazionalismo, UFO e alieni, complottismo e mancanza di rigore condito da cattiva traduzione dall'inglese (cosa sono le terribili "particelle zeta"?). Ho iniziato a vederlo per capire l'origine delle domande che riceverò dal pubblico delle mie prossime iniziative di astronomia.

Ho interrotto la visione prima che terminasse il documentario su Apollo 11, che è stato seguito da un altro su Apollo 13. Gli amici di Forumastronautico.it hanno avuto maggiore pazienza e i loro giudizi sul programma sono solo in parte lusinghieri.

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti sono moderati e richiedono l'approvazione di Paolo Amoroso prima della pubblicazione. Paolo si riserva di rifiutare quelli contenenti spam, insulti, farneticazioni pseudoscientifiche, o che non sono appropriati secondo il suo insindacabile giudizio. Inviando il commento ti assumi la responsabilità del suo contenuto. Dopo la pubblicazione del commento Paolo non accetterà richieste di cancellazione.