mercoledì 5 ottobre 2011

Ottobre 2011: gli ultimi giorni di libertà di espressione e democrazia in Italia

Fonte: SKopp Wikimedia Commons, pubblico dominio
Fonte: SKopp Wikimedia Commons, pubblico dominio
Dopo la pausa estiva 2011 stavo pianificando quando riprendere la pubblicazione di questo blog vista anche una pesante situazione personale. Ma è attualmente in discussione in parlamento un DDL sulle intercettazioni che rischia concretamente di imporre pesantissime limitazioni alla libertà di espressione in Italia. Come cittadino e come blogger non posso esimermi dal valutare la gravissima situazione.

Ho dunque deciso di sospendere la pubblicazione di Avventure Planetarie fino a quando ci saranno sufficienti garanzie di stabilità nella tutela della libertà di espressione e della democrazia in Italia. Sospendo anche la possibilità di lasciare commenti ai post.

Mi auguro che, se e quando riprenderò la pubblicazione di Avventure Planetarie, l'Italia sia diventata un paese diverso.

Nel frattempo ti invito a riflettere e agire. Viva l'Italia.

5 commenti:

  1. Caro avventuriero planetario,

    quella italiana credo sia un'emergenza rientrata, almeno per ora. Commenti su questa iniziativa USA?

    "On 11/16, Congress holds hearings on the first American Internet censorship system".

    Saluti, Andrea

    RispondiElimina
  2. Da noi l'emergenza sembra rientrata, ma voglio tenere il paese sotto osservazione ancora un po'.

    La proposta di legge che citi è l'ennesimo esempio di restrizioni alle libertà di espressione e informazione sostenute dall'industria dell'intrattenimento in nome della protezione della proprietà intellettuale. L'industria dell'intrattenimento e dell'informazione, incapace di sopravvivere e innovare in questa epoca di centralità tecnologica, si comporta come una persona in preda al panico che sta per annegare, e che trascina sul fondo il soccorritore.

    Per questo evito di finanziare con i miei acquisti case cinematografiche, giornali, riviste, editori autori e TV tradizionali. Ogni centesimo speso in quei prodotti e servizi accresce il loro potere di condizionare azioni legislative restrittive come quella che citi.

    Mi dispiace per chi lavora nel settore ed è penalizzato dalle mie scelte, ma le libertà valgono molto di più del loro posto di lavoro. Io consumo solo intrattenimento prodotto da innovatori che riescono a prosperare in quest'epoca tecnologica senza imporre restrizioni a terzi. Ecco perché, per esempio, preferisco gli autori indie che autopubblicano ebook.

    RispondiElimina
  3. Caro avventuriero planetario,

    wow. Sono rimasto a bocca aperta. Grazie, ci rifletterò sopra.

    Saluti, Andrea

    RispondiElimina
  4. ciao carissimo Paolo, ti quoto al 100% e condivido in toto le tue misure e scelte di vita. arrivederci sul web! Dario

    RispondiElimina

I commenti sono moderati e richiedono l'approvazione di Paolo Amoroso prima della pubblicazione. Paolo si riserva di rifiutare quelli contenenti spam, insulti, farneticazioni pseudoscientifiche, o che non sono appropriati secondo il suo insindacabile giudizio. Inviando il commento ti assumi la responsabilità del suo contenuto. Dopo la pubblicazione del commento Paolo non accetterà richieste di cancellazione.