sabato 9 giugno 2012

Ritorna Avventure Planetarie


Home page del blog Avventure Planetarie

A ottobre 2011 avevo smesso di aggiornare questo blog. Ora ho deciso di riprendere Avventure Planetarie. Ti spiego le ragioni.

Avevo smesso perché in quel periodo sembrava che stessero per essere approvate leggi che avrebbero fortemente limitato libertà fondamentali come quelle di espressione e informazione. Fortunatamente non è accaduto. Anche se non bisogna abbassare la guardia, nel paese si sta diffondendo la consapevolezza della necessità di vigilare per difendere e mantenere queste libertà.

Nella seconda parte del 2011 era iniziato per me un periodo molto difficile, terminato alla fine dell'anno con un lutto. Non avevo né il tempo né lo spirito adatto per mantenere il blog. Mi ero fra l'altro reso conto delle difficoltà di mantenere un blog in mancanza delle circostanze favorevoli.

Perché riprendo? Il periodo personale difficile è passato. Negli ultimi mesi, inoltre, ho notato una crescente vivacità nella blogosfera scientifica italiana, con nuovi blogger attenti e stimolanti, e un aumento di visibilità degli argomenti scientifici nei social network e online. Vorrei quindi farti conoscere gli autori di questi blog, informarti sui loro dibattiti e segnalare le loro riflessioni che riguardano la comunicazione pubblica e la divulgazione della scienza.

La maggiore visibilità online della scienza non è però sempre stata generata da interessi culturali. Ultimamente in Italia crescono la diffusione e il credito di idee pseudoscientifiche, atteggiamenti irrazionali e cattiva informazione su questi argomenti.

Oltre alle stupidaggini sulla fine del mondo nel 2012 ricordo la confusione nei media sui rischi legati alla centrale nucleare di Fukushima danneggiata dal tettermoto in Giappone del marzo 2011, e le dichiarazioni di chi fa previsioni e profezie sui terremoti tornate d'attualità dopo i terremoti in Emilia-Romagna del maggio 2012.

In questa situazione di confusione dell'opinione pubblica la cultura scientifica e la divulgazione diventano strumenti di difesa culturale ancora più importanti, sollecitando l'impegno di chiunque si occupi direttamente o indirettamente di scienza. Riprendo il blog anche per dare il mio contributo.

La frequenza con cui aggiornerò il blog sarà minore di prima e più irregolare. Ho progetti e idee che richiedono tempo e mi terranno più impegnato. Probabilmente ti parlerò anche di questo.

Se visiti il blog noterai che ha un nuova impaginazione con un diverso aspetto grafico, che modificherò ulteriormente. I cambiamenti si sono resi necessari per ripristinare alcune funzionalità che il vecchio template aveva perso, ma hanno altri vantaggi. Alla fine di ogni post, per esempio, ci sono bottoni di social sharing per la condivisione su Facebook, Twitter e Google+. Mi farebbe piacere se condividessi quelli che ritieni più interessanti.

Ti ringrazio fin da ora se deciderai di ricominciare a seguirmi.

6 commenti:

  1. Caro avventuriero planetario,

    semplicemente bentornato!

    Buon blogging, Andrea

    RispondiElimina
  2. Grazie anche a te Roberto, anch'io sono felice di ritrovare i miei amici e lettori.

    RispondiElimina
  3. Micol di Almaz12 giugno 2012 12:59

    Ciao Paolo! Non conoscevo questo tuo blog. La mission mi ricorda molto quella di un'altro Paolo, cui non credo ti dispiaccia se ti accosto: Attivissimo. Due fari nel mare delle informazioni incoerenti date spesso dai media..
    "Avventure Planetarie" è un nome..spaziale!

    RispondiElimina
  4. Grazie dell'accoglienza Micol, e dell'accostamento ad Attivissimo. Ho alcuni temi in comune con i suoi. Ma credo che i miei obiettivi siano diversi, almeno come li avevo annunciati nella presentazione di Avventure Planetarie.

    RispondiElimina

I commenti sono moderati e richiedono l'approvazione di Paolo Amoroso prima della pubblicazione. Paolo si riserva di rifiutare quelli contenenti spam, insulti, farneticazioni pseudoscientifiche, o che non sono appropriati secondo il suo insindacabile giudizio. Inviando il commento ti assumi la responsabilità del suo contenuto. Dopo la pubblicazione del commento Paolo non accetterà richieste di cancellazione.