giovedì 23 ottobre 2008

Comunicare al pubblico per difendere la ricerca

Il giornalista scientifico Sergio Pistoi risponde a un ricercatore che chiede consigli per fare conoscere la situazione della ricerca e portarne le difficoltà fuori dalle università. I ricercatori italiani si stanno rendendo conto di una ragione importante per comunicare al pubblico senza l'intervento di intermediari e gruppi di interesse: ottenere il sostegno dell'opinione pubblica in vista degli annunciati pesanti tagli ai finanziamenti.

Mi auguro che questo atteggiamento di apertura e dialogo, iniziato in tempi e circostanze difficili, abbia conseguenze permanenti sulla disponibilità del mondo scientifico a parlare del proprio lavoro. La comunicazione può essere uno strumento di sopravvivenza per la ricerca.

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti sono moderati e richiedono l'approvazione di Paolo Amoroso prima della pubblicazione. Paolo si riserva di rifiutare quelli contenenti spam, insulti, farneticazioni pseudoscientifiche, o che non sono appropriati secondo il suo insindacabile giudizio. Inviando il commento ti assumi la responsabilità del suo contenuto. Dopo la pubblicazione del commento Paolo non accetterà richieste di cancellazione.