martedì 2 ottobre 2007

Dalla divulgazione alla ricerca: l'Osservatorio della Valle d'Aosta scopre i suoi primi asteroidi

All'Osservatorio Astronomico della Regione Autonoma Valle d'Aosta (OAVdA) sono stati scoperti due nuovi asteroidi, i primi individuati dall'istituto. Faccio i miei complimenti all'autore della scoperta, Albino Carbognani, al direttore dell'OAVdA, Enzo Bertolini, e a tutto lo staff.

L'OAVdA è conosciuto principalmente per le attività di divulgazione e didattica dell'astronomia. Ne sono stato fra l'altro ospite per tenere alcune conferenze. È forse meno noto che da poco più di un anno l'osservatorio conduce anche programmi di ricerca scientifica di cui la scoperta dei nuovi asteroidi è solo il risultato più visibile.

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti sono moderati e richiedono l'approvazione di Paolo Amoroso prima della pubblicazione. Paolo si riserva di rifiutare quelli contenenti spam, insulti, farneticazioni pseudoscientifiche, o che non sono appropriati secondo il suo insindacabile giudizio. Inviando il commento ti assumi la responsabilità del suo contenuto. Dopo la pubblicazione del commento Paolo non accetterà richieste di cancellazione.