lunedì 26 ottobre 2009

Fino a 1/3 del pubblico prenotato a un evento culturale non si presenta

Se offri al pubblico delle tue iniziative di divulgazione scientifica o eventi culturali l'opportunità di prenotare, scoprirai che molti di quelli che prenotano non parteciperanno. E se chiedi di avvertire in anticipo in caso di rinuncia, nessuno lo farà.

Nella mia esperienza, in media fino a 1/3 delle persone che prenotano non si presenta. È un problema comune anche al settore dei trasporti (aerei, navi, treni, ecc.) che lo risolve con l'overbooking, cioè consentendo prenotazioni in quantità superiore alla capacità del servizio.

La mancata partecipazione di una parte di chi prenota impedisce ad altri interessati di assistere all'evento, e all'organizzazione di recuperare i costi. La prenotazione è gratuita, ma si possono limitare le defezioni imponendo l'acquisto del biglietto di ingresso nei giorni precedenti, come per alcuni concerti, in modo da impegnare e motivare lo spettatore.

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti sono moderati e richiedono l'approvazione di Paolo Amoroso prima della pubblicazione. Paolo si riserva di rifiutare quelli contenenti spam, insulti, farneticazioni pseudoscientifiche, o che non sono appropriati secondo il suo insindacabile giudizio. Inviando il commento ti assumi la responsabilità del suo contenuto. Dopo la pubblicazione del commento Paolo non accetterà richieste di cancellazione.