mercoledì 30 giugno 2010

Perché un'aspirante scienziata è passata alla divulgazione

Il blog PARS3C ha pubblicato un'intervista a Emily Lakdawalla, che cura il blog della Planetary Society e altre attività di comunicazione. Lakdawalla racconta anche perché, quando studiava planetologia per iniziare la carriera accademica, ha deciso di occuparsi di divulgazione:
Ultimately, though, I felt that although I was working on stuff that I personally found fascinating, it wasn’t clear that anybody else cared, and it was difficult to justify working so hard to produce articles that only a few people might ever read.
La sua formazione scientifica ha fortemente influenzato il modo in cui parla di pianeti ed esplorazione spaziale. Anche quando riferisce notizie riportate da altre fonti giornalistiche o non specializzate, la sua analisi offre sempre spunti originali e interessanti.

2 commenti:

  1. Purtroppo in Italia chi fa informazione è a dei livelli impressionantemente bassi. Basta leggersi certe cose pubblicate da "pseudo" giornali...

    http://www.ilgiornaledelfriuli.net/rubriche/astronomia-rubriche/crolla-una-certezza-scientifica-la-gravita-non-e-uguale-in-tutti-gli-angoli-della-terra/

    RispondiElimina
  2. Andrea Pagani5 luglio 2010 15:40

    Tanto di cappello! Per certi versi occuparsi di divulgazione scientifica è persino più difficile della "ricerca pura"... comunicare a persone che non hanno una particolare formazione in una determinata materia, farsi comprendere e magari riuscire ad avvicinarli all'argomento è tanto complesso quanto affascinante!

    RispondiElimina

I commenti sono moderati e richiedono l'approvazione di Paolo Amoroso prima della pubblicazione. Paolo si riserva di rifiutare quelli contenenti spam, insulti, farneticazioni pseudoscientifiche, o che non sono appropriati secondo il suo insindacabile giudizio. Inviando il commento ti assumi la responsabilità del suo contenuto. Dopo la pubblicazione del commento Paolo non accetterà richieste di cancellazione.