sabato 23 ottobre 2010

Gli istituti culturali sono spammer?

Nella mia mailbox personale, e in quelle di alcuni istituti scientifici con cui collaboro, sta aumentando lo spam. Non si tratta dei soliti venditori di rimedi miracolosi. Sono invece istituti culturali, musei scientifici, planetari e divulgatori che mandano senza permesso le loro newsletter o avvisi.

Iscrivere senza autorizzazione a mailing list via email è uno dei gravi errori delle PR scientifiche, oltre che illegale Questi messaggi non richiesti rallentano la gestione della corrispondenza ordinaria, soprattutto di un istituto. E sono inutili, perché nella maggior parte dei casi non si ha la possibilità di partecipare agli eventi indicati né di segnalarli.

Commettere questo errore rivela la propria mancanza di dimestichezza con la comunicazione online (particolarmente grave per chi si occupa di scienza e tecnologia), mancanza di educazione, disprezzo delle regole ed egocentrismo. La buona fede non è una giustificazione accettabile.

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti sono moderati e richiedono l'approvazione di Paolo Amoroso prima della pubblicazione. Paolo si riserva di rifiutare quelli contenenti spam, insulti, farneticazioni pseudoscientifiche, o che non sono appropriati secondo il suo insindacabile giudizio. Inviando il commento ti assumi la responsabilità del suo contenuto. Dopo la pubblicazione del commento Paolo non accetterà richieste di cancellazione.