giovedì 4 novembre 2010

I nerd trentenni, la generazione con un immaginario senza esplorazione spaziale

Riflettendo sullo spettacolo di varietà "w00tstock" a cui ha assistito, Emily Lakdawalla della Planetary Society si chiede perché, nella cultura nerd della generazione di trentenni a cui si ispira lo spettacolo, manchino riferimenti all'esplorazione spaziale nonostante la centralità della fantascienza.

La possibile spiegazione che propone è che questa generazione è cresciuta negli anni '80, un periodo con poche missioni di esplorazione del Sistema Solare in cui l'incidente dello Shuttle Challenger ha rimesso in discussione i voli umani nello spazio. La fantascienza può dunque avere ispirato maggiormente i nerd ora trentenni:
Fake space was more inspiring than real space, and now as we are all adults finding community in our shared childhood experience as outcast nerds, space exploration was just not part of that experience, so it is not part of this "ascendancy of geek culture" that w00tstock celebrates.

2 commenti:

  1. Chi è diventato maggiorenne negli anni 80 ora non è trentenne...

    RispondiElimina
  2. Michael: ho corretto la distonia spaziotemporale.

    RispondiElimina

I commenti sono moderati e richiedono l'approvazione di Paolo Amoroso prima della pubblicazione. Paolo si riserva di rifiutare quelli contenenti spam, insulti, farneticazioni pseudoscientifiche, o che non sono appropriati secondo il suo insindacabile giudizio. Inviando il commento ti assumi la responsabilità del suo contenuto. Dopo la pubblicazione del commento Paolo non accetterà richieste di cancellazione.