venerdì 28 settembre 2007

Il passaparola è un mezzo efficace per pubblicizzare eventi scientifici

Anche solo dai commenti del pubblico che partecipa a eventi di divulgazione scientifica e culturali si intuisce che il passaparola è uno strumento semplice ed efficace per fare conoscere queste iniziative.

Lo conferma la mia esperienza e lo ribadiscono alcuni dati forniti in occasione di Una notte al museo 2007 organizzata dalla Regione Lombardia (segnalato da Mauro Arpino). Dall'analisi dei questionari distribuiti ai partecipanti nella precedente edizione è risultato (l'enfasi è mia):
infine si è rilevato che il vecchio metodo del passa parola sembra essere il migliore: ben il 35% ha dichiarato di essere venuto a conoscenza dell'iniziativa da amici e parenti, il 25% da articoli e pubblicità su giornali e riviste e il 15% dalle locandine nei negozi.
Creare un rapporto di continuità con il pubblico, che rende il passaparola più efficace, è stata una delle ragioni del successo degli eventi culturali estivi del 2007.

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti sono moderati e richiedono l'approvazione di Paolo Amoroso prima della pubblicazione. Paolo si riserva di rifiutare quelli contenenti spam, insulti, farneticazioni pseudoscientifiche, o che non sono appropriati secondo il suo insindacabile giudizio. Inviando il commento ti assumi la responsabilità del suo contenuto. Dopo la pubblicazione del commento Paolo non accetterà richieste di cancellazione.