mercoledì 24 febbraio 2010

L'industria spaziale privata renderà la NASA meno aperta?

Il nuovo piano di Obama per la NASA prevede che l'agenzia affidi a industrie aerospaziali private responsabilità sempre maggiori nella realizzazione e gestione di veicoli e attività spaziali. Come influirà il maggiore coinvolgimento privato sulla grande apertura NASA nella comunicazione pubblica?

La NASA, più di ogni altra agenzia spaziale, ha sempre avuto grande apertura e disponibilità nella condivisione di ogni tipo di materiale: foto, video, informazioni, dati, documenti, ecc. L'industria privata tende invece a limitare la diffusione di materiale informativo per ragioni commerciali e competitive.

Che conseguenze avrà questo confronto fra pubblico e privato nella comunicazione NASA? Non è ancora chiaro.

2 commenti:

  1. Profetico: non si se hai visto il tweet di Flying Jenny a proposito della 'social' policy del suo employer...

    RispondiElimina
  2. Michael, ho visto anche che ci sono società spaziali molto riservate alle quali la NASA ha affidato contratti, e che potranno avere un ruolo maggiore in futuro.

    RispondiElimina

I commenti sono moderati e richiedono l'approvazione di Paolo Amoroso prima della pubblicazione. Paolo si riserva di rifiutare quelli contenenti spam, insulti, farneticazioni pseudoscientifiche, o che non sono appropriati secondo il suo insindacabile giudizio. Inviando il commento ti assumi la responsabilità del suo contenuto. Dopo la pubblicazione del commento Paolo non accetterà richieste di cancellazione.