domenica 3 aprile 2011

Gli scienziati, una risorsa nei momenti di confusione mediatica su temi scientifici

Dopo l'incidente alla centrale nucleare di Fukushima in seguito al terremoto dell'11 marzo 2011 in Giappone, l'astrofisico Amedeo Balbi ha pubblicato sul suo blog Keplero alcuni post per spiegare questioni scientifiche riguardanti la situazione della centrale. Un'iniziativa molto apprezzata, tanto che Balbi ha voluto chiarire i limiti dei suoi interventi a chi gli chiedeva notizie aggiornate:
Questa non è un'agenzia di stampa. È un blog che prova a spiegare un po' di scienza, e—mi ripeto—se ho scritto qualcosa sul nucleare è solo perché, in un momento di grande confusione, mi sembrava che ci fosse bisogno di strumenti per capire. E continuerò a farlo, se mi sembrerà di poter spiegare la scienza meglio di come la vedrò spiegata altrove.
In momenti di confusione mediatica come questo, ascoltare esperti con una formazione scientifica è particolarmente importante perché sono guidati da atteggiamenti e strumenti concettuali che possono mancare o venire meno nel mondo dell'informazione: la competenza, la chiarezza, l'attenzione ai fatti e alle fonti, l'obiettività, il rigore e la sobrietà.

2 commenti:

  1. Andrea Pagani4 aprile 2011 12:16

    Concordo: lasciamo la parola a chi non solo conosce un argomento, ma è anche in grado di spiegarlo al grande pubblico!

    RispondiElimina

I commenti sono moderati e richiedono l'approvazione di Paolo Amoroso prima della pubblicazione. Paolo si riserva di rifiutare quelli contenenti spam, insulti, farneticazioni pseudoscientifiche, o che non sono appropriati secondo il suo insindacabile giudizio. Inviando il commento ti assumi la responsabilità del suo contenuto. Dopo la pubblicazione del commento Paolo non accetterà richieste di cancellazione.