sabato 9 aprile 2011

I grandi strateghi della cultura hanno poco senso pratico

Organizzano eventi culturali ma non badano ai dettagli. Sono i grandi strateghi della cultura, che hanno potere decisionale ma poco senso pratico. Pianificano senza tenere conto dei costi, delle risorse, degli spazi, dei tempi, delle dinamiche di comportamento e delle necessità del pubblico. Tutti problemi che scaricano sui loro collaboratori, della cui esperienza e opinione non si curano.

Le persone sbagliate al posto sbagliato.

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti sono moderati e richiedono l'approvazione di Paolo Amoroso prima della pubblicazione. Paolo si riserva di rifiutare quelli contenenti spam, insulti, farneticazioni pseudoscientifiche, o che non sono appropriati secondo il suo insindacabile giudizio. Inviando il commento ti assumi la responsabilità del suo contenuto. Dopo la pubblicazione del commento Paolo non accetterà richieste di cancellazione.