domenica 24 aprile 2011

Le sanzioni per le agenzie di PR spammer che screditano le istituzioni culturali

In passato ho parlato delle agenzie di PR spammer, e perfino un editore scientifico, che, iscrivendo senza consenso ignari utenti a mailing list e newsletter email, screditano l'immagine delle istituzioni culturali e scientifiche che vi si affidano.

Sapevo che questa pratica, oltre che scoretta e controproducente, è anche illegale, ma non conoscevo i dettagli. Ora un post di Beppe Severgnini sulle agenzie di PR spammer (segnalato da Il Post) elenca le sanzioni penali e amministrative che rischia chi manda email promozionali senza autorizzazione.

Se sei vittima di queste agenzie, le informazioni ti saranno utili per difenderti. Se fai parte di un'organizzazione culturale, è bene rivedere con cura le pratiche di chi cura la comunicazione online. Prima che qualcuno si arrabbi e ve la faccia pagare.

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti sono moderati e richiedono l'approvazione di Paolo Amoroso prima della pubblicazione. Paolo si riserva di rifiutare quelli contenenti spam, insulti, farneticazioni pseudoscientifiche, o che non sono appropriati secondo il suo insindacabile giudizio. Inviando il commento ti assumi la responsabilità del suo contenuto. Dopo la pubblicazione del commento Paolo non accetterà richieste di cancellazione.