mercoledì 22 aprile 2009

I voli spaziali sono noiosi?

Perché è noiosa la 125° missione Shuttle? Perché non è noiosa l'ennesima partita di calcio, gara di Formula 1 o corsa ciclistica?

Dave Mosher del blog Space Disco si chiede perché molti considerano noioso il volo spaziale. Pensando che la cronaca di situazioni apparentemente ripetitive sia noiosa, i giornalisti cercano situazioni di rischio o anomalie per tenere vivo l'interesse nello spazio -- spesso con risultati discutibili.

Questa noia è reale? È colpa della natura del volo spaziale?

Altri eventi ripetitivi continuano però a essere ritenuti interessanti e appassionanti: le gare sportive, che offrono variazioni di schemi e situazioni di base. Le cronache sportive dedicano molta attenzione semplicemente al racconto e commento di ciò che accade. Nessuno mette in dubbio che possa annoiare.

Perché, allora, il commento delle attività spaziali sarebbe noioso? Quanto influiscono le scelte editoriali e commerciali dei media? Che ne pensi?

Paradossalmente, l'assenza dello spazio dai media potrebbe renderlo una novità se si decidesse di parlarne di più.

3 commenti:

  1. Le manifestazioni sportive annoiano eccome.

    Per questo la FIA continua a cambiare le regole della formula 1, introducendo norme ridicole solo per smuovere le acque. E il calcio è morto e sepolto da anni, vive grazie a scandali, moviole, e gossip. Lo stesso tipo di giornalismo che crea situazioni anomale per generare interesse.

    Se questo è il prezzo da pagare per avere lo spazio nei media, mi tengo lo spazio noioso, grazie.

    RispondiElimina
  2. Michael: grazie per l'aggiornamento sul mondo dello sport, che conosco poco e per me è un altro pianeta.

    RispondiElimina
  3. Secondo me è fondamentale che venga comunicato non solo il fatto in sé della generica missione spaziale, ma anche la motivazione, il perchè, a cosa serve e come può migliorarci la vita.
    Non soltanto la tecnica, quindi, ma anche la filosofia che c'è dietro, proprio per far comprendere l'essenza, il significato, che poi è quello che fa "cultura".
    ciao

    RispondiElimina

I commenti sono moderati e richiedono l'approvazione di Paolo Amoroso prima della pubblicazione. Paolo si riserva di rifiutare quelli contenenti spam, insulti, farneticazioni pseudoscientifiche, o che non sono appropriati secondo il suo insindacabile giudizio. Inviando il commento ti assumi la responsabilità del suo contenuto. Dopo la pubblicazione del commento Paolo non accetterà richieste di cancellazione.