sabato 25 aprile 2009

Lettera dal fronte della divulgazione scientifica

Piastrina di riconoscimento militareMia cara Rosina,

ti scrivo queste righe dalla mia trincea nella prima linea della divulgazione scientifica. Oggi abbiamo ascoltato alla radio il discorso del Generale dalla sua fortezza nelle retrovie. Lo vediamo poco e gli ufficiali superiori arrivano solo quando parla lui, ma è sempre un piacere sentirlo.

Il Generale, come sempre, ha elogiato noi e la nostra unità. Ma ormai sembra che ci abbia abbandonati. Non dice se e quando arriveranno i rifornimenti. Parla invece di piani grandiosi e arditi, nuovi fronti, armi sempre più sofisticate, nuovi alleati.

Noi, invece, abbiamo bisogno di quei rifornimenti.

Ricordi il nostro Sergente? Era il più forte e agguerrito. Ce lo invidiavano perfino gli altri eserciti. Ma anche lui, con altri commilitoni, ci ha abbandonati, non ce l'ha fatta. La scarsità di rifornimenti e la sfiducia lo hanno costretto a ritirarsi.

Non capiamo. Ci battiamo con passione, otteniamo ottimi risultati, la gente ci ama e potremmo avanzare facilmente, ma dobbiamo rimanere fermi. Ordini superiori.

Dalle retrovie non hanno idea di cosa accada qui. Non possiamo parlare con il Generale, gli ufficiali superiori non vogliono che si sappia come vanno le cose.

Abbiamo la sensazione che ci considerino un fastidio e che, pur di lanciarsi in nuove imprese e glorie, vogliano chiudere la nostra unità rinunciando a nuove vittorie e uomini validi.

Come non capirli? Divise fiammanti, caserme, parate, bandiere, fanfare. Noi invece siamo straccioni che ottengono sì ottimi risultati, ma disturbano con le solite richieste di rifornimenti.

La sopravvivenza è diventata un lusso, non una necessità. Con i pochi viveri che ci rimangono, e senza alcuna certezza sul futuro, non so quanto potremo resistere.

Tuo,


Paolo

Immagine realizzata con il generatore Dogtags di GlassGiant.com

3 commenti:

  1. Molto bella e molto, troppo... reale.
    Forza Paolo!!!

    RispondiElimina
  2. Caro avventuriero planetario,

    tutta la nostra solidarietà!

    Rinnoviamo l'invito, estendibile anche a Rosina e a chi altro vorrai, se quando sarai in licenza avrai voglia di venire a trovarci quassù, al confine dell'Impero.

    Anche qui ci sono trincee e battaglie, ma l'aria è buona, latte e formaggio non mancano -- per ora.

    Un saluto a tutti i commilitoni, dal veterano Ulrico fino agli ultimi arrivati.

    Albino, Andrea, Mario, Paolo

    RispondiElimina
  3. Cari commilitoni Marco e Andrea, grazie. Il vantaggio delle vostre trincee è che le stelle vere si vedono meglio.

    RispondiElimina

I commenti sono moderati e richiedono l'approvazione di Paolo Amoroso prima della pubblicazione. Paolo si riserva di rifiutare quelli contenenti spam, insulti, farneticazioni pseudoscientifiche, o che non sono appropriati secondo il suo insindacabile giudizio. Inviando il commento ti assumi la responsabilità del suo contenuto. Dopo la pubblicazione del commento Paolo non accetterà richieste di cancellazione.