martedì 7 aprile 2009

Il declino del giornalismo spaziale e l'alternativa dei blog

Lo storico dell'astronautica Dwayne Day ha commentato il licenziamento di alcuni esperti giornalisti aerospaziali da parte di prestigiose testate come CNN e Aviation Week che, per ridurre i costi in questo periodo di declino dei media tradizionali, tagliano spese ritenute non essenziali.

Day osserva che ci sono numerosi blog e altri media online sullo spazio curati da appassionati e dilettanti spesso volontari. Sono però ricchi di opinioni ma poveri di fatti e analisi.

Quei blog si limitano a linkare e commentare articoli prodotti da professionisti, o uffici stampa la cui opinione può non essere imparziale. Day lamenta il collasso del sistema che rendeva possibile pagare professionisti più obiettivi che vadano oltre i comunicati stampa e le dichiarazioni ufficiali.

Solo professionisti retribuiti, secondo Day, possono fare verifiche essenziali come contattare le fonti originali, consultare esperti, recarsi sui luoghi delle notizie, viaggiare per informarsi e partecipare a convegni.

Credo che nell'attuale fase di transizione sia prematuro dire se rimarranno questi limiti dei blog sullo spazio e quale sarà il loro ruolo. Per capirne le potenzialità bisognerebbe dare ai blogger le stesse possibilità dei giornalisti professionisti come l'accesso a persone, notizie, luoghi e materiale oggi accessibili solo ai giornalisti.

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti sono moderati e richiedono l'approvazione di Paolo Amoroso prima della pubblicazione. Paolo si riserva di rifiutare quelli contenenti spam, insulti, farneticazioni pseudoscientifiche, o che non sono appropriati secondo il suo insindacabile giudizio. Inviando il commento ti assumi la responsabilità del suo contenuto. Dopo la pubblicazione del commento Paolo non accetterà richieste di cancellazione.