martedì 26 maggio 2009

Come il contatto con il pubblico può migliorare il lavoro degli scienziati

Le utenti Twitter @absolutspacegrl e @flyingjenny lavorano per la NASA. La prima al centro di controllo delle missioni a Houston, @flyingjenny è un tecnico Shuttle al Kennedy Space Center. Entrambe hanno raccontato come Twitter ha cambiato il loro lavoro, prendendo spunto da un incontro in occasione del lancio della missione Shuttle STS-125:
Oltre ad ampliare la rete di contatti NASA, su Twitter sono state seguite da molti appassionati di spazio e semplici curiosi. Questo rapporto con il pubblico le ha incoraggiate portando alla luce un interesse esterno le per le loro attività che non immaginavano. @Absolutspacegrl scrive:
And, in an odd sort of way, it makes MY job more interesting to see OTHER people so interested in my job. I pay attention more to things I wouldn’t normally pay attention to because I know there are others out there who are interested in it and they might ask a question about it later, [...]

[...]

Let ME thank YOU, for making my job even more fun than it already was, for being there for me when things aren’t going so great in the world that is human spaceflight, and for allowing me to realize, after so long of thinking just the opposite, that there are those of you out there who do care about what we do just as passionately as I do.
Anche @flyingjenny la pensa così:
With this last launch, I had gained some more followers that are what I would call "space enthusiasts." This was a really good thing because it forced me to look at my job from the perspective of other people who would give anything to be in my position. It made me more excited about the cool opportunities I had and more inclined to seek out new ones.
Altri scienziati e tecnici si stanno rendendo conto che la divulgazione aiuta a riscoprire il fascino del proprio lavoro scientifico.

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti sono moderati e richiedono l'approvazione di Paolo Amoroso prima della pubblicazione. Paolo si riserva di rifiutare quelli contenenti spam, insulti, farneticazioni pseudoscientifiche, o che non sono appropriati secondo il suo insindacabile giudizio. Inviando il commento ti assumi la responsabilità del suo contenuto. Dopo la pubblicazione del commento Paolo non accetterà richieste di cancellazione.