venerdì 1 maggio 2009

Galileo, la Luna, la NASA e io: la storia mai raccontata

The Launch Pad, il blog ufficiale del Google Lunar X PRIZE, ha iniziato a ospitare guest blogger pubblicando un mio guest post: Galileo lost a ride to the Moon, or maybe not.

Nel post racconto le alterne vicende di una mia bizzarra idea per celebrare simbolicamente l'Anno Internazionale dell'Astronomia 2009. È la prima volta che ne parlo pubblicamente.

4 commenti:

  1. E' un'idea azzeccatissima Paolo!

    Luca Frigerio
    www.forumastronautico.it

    RispondiElimina
  2. Caro avventuriero planetario,

    non posso fare a meno di notare la somiglianza tra la tua proposta di mandare un "souvenir" galileiano sulla Luna e la spedizione nello spazio di una copia di un cannocchiale del grande pisano con la prossima missione shuttle per riparare HST:

    http://www.adnkronos.com/IGN/Regioni/Toscana.php?id=3.0.3288648387

    Può essere che di questa storia se ne parli da tempo e mi sia sfuggita. Può essere convergenza adattiva o sincronicità junghiana. Oppure al'Istituto Museo di Storia della Scienza di Firenze leggono i tuoi post... Se sì, meglio per loro!

    Saluti, Andrea

    RispondiElimina
  3. Caro Andrea, questo è un interessante caso di buco nero comunicativo. Avevo sentito voci sull'iniziativa nell'estate 2008, quando mi informavo per l'idea di mandare un oggetto di Galileo sulla Luna.

    Non ne avevo parlato pensando che la notizia fosse soggetta a qualche embargo stampa. Ora, il giorno del lancio di STS-125, non trovo alcun riferimento all'iniziativa sui siti NASA, IAU/INAF o del museo di Firenze.

    RispondiElimina
  4. Cristina Olivotto9 dicembre 2009 13:35

    poi è arrivata l'ESA e adesso se ne riparla!
    Mai disperare ragazzi

    RispondiElimina

I commenti sono moderati e richiedono l'approvazione di Paolo Amoroso prima della pubblicazione. Paolo si riserva di rifiutare quelli contenenti spam, insulti, farneticazioni pseudoscientifiche, o che non sono appropriati secondo il suo insindacabile giudizio. Inviando il commento ti assumi la responsabilità del suo contenuto. Dopo la pubblicazione del commento Paolo non accetterà richieste di cancellazione.