mercoledì 2 gennaio 2008

Nel 2008 maggiore affermazione dei nuovi media nella divulgazione scientifica?

È iniziato il 2008. Fare previsioni per un nuovo anno è una tradizione seducente, ma spesso anche gli esperti più autorevoli sbagliano. Per sottrarmi all'imbarazzo della verifica mi limiterò dunque a formulare solo un auspicio su ciò che vorrei accadesse nella divulgazione scientifica.

I media tradizionali, soprattutto TV e giornali, sono considerati le principali fonti di informazione del pubblico sulla scienza. E i giornalisti sono visti come gli operatori di riferimento del settore.

Mi piacerebbe che nel 2008 si consolidasse il ruolo dei nuovi media, in particolare il web, e dei nuovi produttori di informazione scientifica come i ricercatori, gli appassionati di scienza e lo stesso pubblico.

Quali sono i tuoi auspici per la divulgazione scientifica nel 2008? Vuoi sbilanciarti in qualche previsione?

3 commenti:

  1. Abbraccio le tue speranze per il 2008 e aggiungo che mi piacerebbe si smettesse di dare così tanto peso ai giornali e ai gironalisti,e che si iniziasse a considerare anche i libri di divulgazione coem mezzo nobile di circolazioen del pensiero scientifico.

    RispondiElimina
  2. Alessandra: ho sempre avuto l'impressione che i maggiori esperti di informatica abbiano un'attenzione e un rispetto particolare per i libri. Mi sembra un segnale interessante.

    RispondiElimina
  3. Ho scritto Alessandra invece di Alicsandra, scusa. Promemoria per me: ingrandire più spesso i font con Firefox.

    RispondiElimina

I commenti sono moderati e richiedono l'approvazione di Paolo Amoroso prima della pubblicazione. Paolo si riserva di rifiutare quelli contenenti spam, insulti, farneticazioni pseudoscientifiche, o che non sono appropriati secondo il suo insindacabile giudizio. Inviando il commento ti assumi la responsabilità del suo contenuto. Dopo la pubblicazione del commento Paolo non accetterà richieste di cancellazione.