martedì 18 marzo 2008

Grandi progetti culturali a Milano: la vera sfida è la gestione ordinaria

L'edizione milanese del Corriere della Sera del 16 marzo 2008 ha dedicato 2 intere pagine a come la cultura cambierà la città attraverso le università, i musei, la moda e il design. Fra gli autorevoli esperti consultati anche il presidente della Triennale Davide Rampello.

Dalle trincee della divulgazione scientifica apprezzo questo fervore. Ma gli strateghi della cultura e i grandi progetti mi ricordano quei generali che scrutano il campo di battaglia dalle retrovie.

Le idee non mancano. Ma dopo che i riflettori e l'entusiasmo per un nuovo museo si spengono, la vera sfida diventa la gestione ordinaria, se non la stessa sopravvivenza dell'istituto. Problemi di finanziamenti, personale e attrezzature.

A volte si ha l'impressione che alcuni luoghi di cultura vengano dimenticati dalle istituzioni. E anche dalla città.

Rampello suggerisce al Corriere un itinerario "istituzionale" che comprende un solo luogo scientifico, il Museo della Scienza e della Tecnologia, e uno architettonico con i palazzi storici di Corso Venezia. Non propone alcun itinerario scientifico.

Ma apparentemente Rampello dimentica il più grande planetario italiano che ha sede proprio in Corso Venezia. Allora perché stupirsi dei problemi gestionali di quel planetario e di altri istituti culturali milanesi?

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti sono moderati e richiedono l'approvazione di Paolo Amoroso prima della pubblicazione. Paolo si riserva di rifiutare quelli contenenti spam, insulti, farneticazioni pseudoscientifiche, o che non sono appropriati secondo il suo insindacabile giudizio. Inviando il commento ti assumi la responsabilità del suo contenuto. Dopo la pubblicazione del commento Paolo non accetterà richieste di cancellazione.