mercoledì 12 marzo 2008

I giovani della Generazione Y indicano alla NASA le nuove strategie di comunicazione

Un gruppo di giovani dipendenti NASA della Generazione Y conduce una campagna di sensibilizzazione per aggiornare le strategie di comunicazione dell'agenzia, ritenute antiquate e incapaci di entusiasmare.

Phil Plait del blog Bad Astronomy, che da tempo critica l'atteggiamento NASA, commenta "NASA is old media" e dà un esempio dell'ingenuità di alcuni alti dirigenti nel gestire i rapporti con il pubblico:
One NASA top banana, when asked about the lackadaisical support for a return to the Moon, said that when we go back to the Moon, people will naturally be interested. Build it, he said, and they will come.
Plait segnala che quei giovani dipendenti hanno preparato Gen Y Perspectives, un set di slide in cui spiegano come portare la comunicazione NASA nel XXI secolo. Presentano la Generazione Y, i suoi interessi, i suoi strumenti e stili di comunicazione, e spiegano come coinvolgerla nell'avventura dello spazio.

Due importanti ragioni rendono indispensabile un cambiamento di strategia:
  • la Generazione Y finanzierà con le proprie tasse il ritorno alla Luna e le future imprese spaziali, e si aspetta di riceverne i benefici
  • questa è la prima generazione cresciuta con l'informazione globale e istantanea di Internet, e non segue gli "old media" come TV e giornali
Un documento illuminante di cui consiglio la lettura a chiunque abbia più di 30 anni e si occupi di divulgazione scientifica, oppure lavori per ESA o ASI.

2 commenti:

  1. Un documento che sottoscrivo in pieno, e che comunque estenderei anche alle generazioni “not_Y”: lo intenderei rivolto ad una “generazione virtuale”, non legata all’età fisica, in cui farei convergere tutti coloro che mettono entusiasmo, passione e “Spacefaring”.
    E’ comunque singolare che il disinteresse verso lo Spazio non sia un fenomeno solo Italiano. L’ASI ha in programma di aumentare la comunicazione, e questo è certamente un bene. Mi capita troppo spesso di parlare con persone che non hanno idea di cosa sia la Stazione Spaziale Internazionale.
    E sapere che anche in US il grande pubblico mastica poco Spazio aumenta un pò il sapore amaro in bocca.
    Ad ogni modo il futuro non aspetta: guarda quanti eventi STORICI stanno avvenendo così velocemente specialmente per noi europei: Columbus, ATV, tra poco Soyuz dallo spazioporto europeo di Kourou…
    Ciao

    RispondiElimina
  2. Sergio: viviamo effettivamente un momento storico.

    RispondiElimina

I commenti sono moderati e richiedono l'approvazione di Paolo Amoroso prima della pubblicazione. Paolo si riserva di rifiutare quelli contenenti spam, insulti, farneticazioni pseudoscientifiche, o che non sono appropriati secondo il suo insindacabile giudizio. Inviando il commento ti assumi la responsabilità del suo contenuto. Dopo la pubblicazione del commento Paolo non accetterà richieste di cancellazione.