giovedì 3 aprile 2008

Gli studenti di ingegneria fanno a un astronauta le stesse domande della gente comune

L'astronauta Paolo Nespoli al Politecnico di Milano il 27 marzo 2008Il 27 marzo 2008 ho assistito al Politecnico di Milano alla conferenza dell'astronauta Paolo Nespoli "Il volo umano nello spazio: la mia esperienza nella missione STS-120". È stata seguita con interesse da circa 400 persone, prevalentemente studenti di ingegneria.

Non tutti erano studenti di discipline aerospaziali. Ma ho notato che le domande a Nespoli di questo pubblico con una formazione tecnico-scientifica sono le stesse dei non specialisti, peraltro le più comuni rivolte agli astronauti: come ci si lava nello spazio, se provano paura, come si diventa astronauti. Parlando di esplorazione spaziale non bisogna dunque trascurare gli argomenti di base.

Foto: L'astronauta Paolo Nespoli al Politecnico di Milano il 27 marzo 2008 (foto di Paolo Amoroso)

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti sono moderati e richiedono l'approvazione di Paolo Amoroso prima della pubblicazione. Paolo si riserva di rifiutare quelli contenenti spam, insulti, farneticazioni pseudoscientifiche, o che non sono appropriati secondo il suo insindacabile giudizio. Inviando il commento ti assumi la responsabilità del suo contenuto. Dopo la pubblicazione del commento Paolo non accetterà richieste di cancellazione.