giovedì 1 febbraio 2007

Aumentano i divulgatori scientifici con formazione umanistica

Le due culture si incontrano per parlare di scienza al pubblico.

Quando iniziai a occuparmi di divulgazione scientifica alla metà degli anni '80, chi svolgeva questa attività al di fuori del mondo del giornalismo era generalmente un nerd. Si trattava di appassionati che spesso approfondivano argomenti ed eseguivano osservazioni o esperimenti per conto proprio, oppure studenti universitari o laureati in discipline scientifiche.

Da alcuni anni noto un aumento delle persone con formazione umanistica che frequentano master in comunicazione scientifica o fanno le guide in musei e istituti scientifici. Visto che le opportunità di lavoro in questo settore sono limitate, immagino che siano motivati da genuino interesse.

Seguo con curiosità e attenzione questa tendenza.

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti sono moderati e richiedono l'approvazione di Paolo Amoroso prima della pubblicazione. Paolo si riserva di rifiutare quelli contenenti spam, insulti, farneticazioni pseudoscientifiche, o che non sono appropriati secondo il suo insindacabile giudizio. Inviando il commento ti assumi la responsabilità del suo contenuto. Dopo la pubblicazione del commento Paolo non accetterà richieste di cancellazione.