domenica 25 marzo 2007

La natura e la scienza ispirano la riflessione interiore

Il pubblico che frequenta i planetari, le osservazioni del cielo al telescopio e altre esperienze che avvicinano alla natura può avere ulteriori motivazioni in aggiunta alla curiosità intellettuale, o al desiderio di informarsi e aggiornarsi su temi scientifici. Per esempio la contemplazione estetica o la riflessione interiore.

Conoscere queste motivazioni aiuta ad adattare le iniziative di divulgazione scientifica in modo che risultino più interessanti e piacevoli per un pubblico eterogeneo.

È interessante ciò che scrive Annamaria De Simone su blogMilano a proposito di una conferenza del Planetario di Milano a cui ha assistito:
[...] credo che quello che offre il Planetario non sia solo cultura ed approfondimento [...] ma anche un vero e proprio tuffo in noi stessi, un modo per ritornare alle nostre stesse origini animiche partendo dal Cosmo, dall'Universo e dalla sua Immensa Bellezza.
Il commento di Ivan a questo resoconto paragona il planetario a "un'esperienza interiore".

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti sono moderati e richiedono l'approvazione di Paolo Amoroso prima della pubblicazione. Paolo si riserva di rifiutare quelli contenenti spam, insulti, farneticazioni pseudoscientifiche, o che non sono appropriati secondo il suo insindacabile giudizio. Inviando il commento ti assumi la responsabilità del suo contenuto. Dopo la pubblicazione del commento Paolo non accetterà richieste di cancellazione.