sabato 17 marzo 2007

L'Italia non ha un museo dello spazio

Nel 1964, dopo USA e URSS, l'Italia è stata la terza nazione ad avere un proprio satellite artificiale in orbita. E, dopo Francia e Germania, è attualmente il terzo maggiore paese finanziatore dell'Agenzia Spaziale Europea, con 397,9 milioni di Euro nel 2005.

Ma non esiste un museo dello spazio in Italia. Chi aprirà per primo un vero museo dello spazio riceverà tutti i vantaggi di immagine e l'attenzione del pubblico.

Non abbiamo nessuna significativa esposizione permanente di materiale astronautico aperta al pubblico. Fra le poche opportunità vi sono alcune sezioni minori di musei dedicati ad altri temi, o gli sporadici incontri in cui collezionisti ed esperti di spazio o fantascienza mostrano alcuni oggetti delle loro raccolte private.

Eppure l'astronautica e le scienze spaziali hanno un forte impatto visivo e spettacolare. Inoltre in Italia non mancano il talento e le competenze per allestire un museo, come dimostra il bellissimo modello di razzo Saturn V realizzato da Riccardo Simone ed esposto ad Apuliacon 2007 (3-4 marzo), un raduno di appassionati di fantascienza. Ecco alcuni esempi di libri, pubblicazioni e altri cimeli d'epoca presentati ad Astronauticon 1 (18 novembre 2006), il primo incontro degli utenti di Forumastronautico.it:
Foto: modello di razzo Saturn V realizzato da Riccardo Simone, ritratto nell'immagine. Pubblicata con il permesso dell'autore.

2 commenti:

  1. Finalmente dopo tanti anni anche l'Italia potra' vantare un primo museo dello spazio sul modello dell'americano Kennedy Space Center di Cape Canaveral in Florida:

    http://www.gravita-zero.org/2008/07/torino-il-primo-museo-dello-spazio.html

    RispondiElimina
  2. Claudio: mi prenoto già da ora per un pass annuale

    RispondiElimina

I commenti sono moderati e richiedono l'approvazione di Paolo Amoroso prima della pubblicazione. Paolo si riserva di rifiutare quelli contenenti spam, insulti, farneticazioni pseudoscientifiche, o che non sono appropriati secondo il suo insindacabile giudizio. Inviando il commento ti assumi la responsabilità del suo contenuto. Dopo la pubblicazione del commento Paolo non accetterà richieste di cancellazione.