martedì 3 aprile 2007

Le maratone didattiche delle gite scolastiche

Recentemente ho condotto una visite guidata al Museo Astronomico di Brera a Milano per un gruppo di studenti di un liceo di Udine.

Arrivati nel primo pomeriggio dopo essersi alzati di buon mattino, avere viaggiato per alcune ore e attraversato la città, hanno trascorso un paio d'ore al museo. Hanno poi raggiunto un'altra guida per un giro in centro a vedere monumenti, un altro paio d'ore a piedi.

Altri gruppi di studenti in gita che visitano musei e luoghi scientifici seguono ritmi altrettanto impegnativi. Capisco l'esigenza di sfruttare al massimo il tempo disponibile. Ma mi chiedo quale efficacia possa avere l'assimilazione di tante informazioni e stimoli in condizioni di stanchezza e mancanza di attenzione.

Forse queste maratone sono controproducenti.

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti sono moderati e richiedono l'approvazione di Paolo Amoroso prima della pubblicazione. Paolo si riserva di rifiutare quelli contenenti spam, insulti, farneticazioni pseudoscientifiche, o che non sono appropriati secondo il suo insindacabile giudizio. Inviando il commento ti assumi la responsabilità del suo contenuto. Dopo la pubblicazione del commento Paolo non accetterà richieste di cancellazione.