domenica 1 aprile 2007

Il dibattito pubblico è uno strumento dell'indagine scientifica

Il dibattito scientifico rivolto a colleghi che non si occupano del settore coinvolto o al pubblico dei non specialisti non è solo un modo per comunicare i risultati di ricerche concluse. Può essere anche uno strumento di indagine per ricerche in corso o problemi aperti.

Il fisico Sean Carroll del blog Cosmic Variance ricorda che la teoria delle stringhe sta perdendo terreno nel dibattito pubblico, e invita i colleghi che se ne occupano a spiegare meglio perché una teoria senza alcun riscontro empirico appare così promettente. A proposito dei dibattiti scientifici pubblici scrive (l'enfasi è nel testo originale):
In their rush to find evidence for the conclusion they want to reach, everyone seems to be ignoring the fact that having public debates is actually a good thing, whatever the state of health of a particular field might be. The existence of a public debate isn’t evidence that a field is in trouble; it’s evidence that there is an unresolved scientific question about which many people are interested, which is wonderful.
Un ulteriore invito agli scienziati a comunicare meglio, all'interno e all'esterno del proprio settore.

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti sono moderati e richiedono l'approvazione di Paolo Amoroso prima della pubblicazione. Paolo si riserva di rifiutare quelli contenenti spam, insulti, farneticazioni pseudoscientifiche, o che non sono appropriati secondo il suo insindacabile giudizio. Inviando il commento ti assumi la responsabilità del suo contenuto. Dopo la pubblicazione del commento Paolo non accetterà richieste di cancellazione.