sabato 9 febbraio 2008

Nuovi media nella divulgazione scientifica: diffusione lenta?

L'introduzione dei nuovi media Internet nella divulgazione scientifica non dovrebbe fare dimenticare che la familiarità degli utenti con questi strumenti è ancora bassa. Altrimenti si rischia di rivolgersi a un pubblico più limitato, già esperto e interessato, riducendo le opportunità di esposizione incidentale.

La capacità di consultare i siti web sta migliorando, ma i problemi di usabilità rendono difficile servirsi di siti e applicazioni più complesse. Difficoltà che non riguardano solo gli adulti ma anche i giovani, che non hanno maggiore successo con il web contrariamente a quanto il loro elevato consumo di tecnologia faccia pensare. In Italia il problema è accentuato dalla diffusione di Internet ancora relativamente limitata.

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti sono moderati e richiedono l'approvazione di Paolo Amoroso prima della pubblicazione. Paolo si riserva di rifiutare quelli contenenti spam, insulti, farneticazioni pseudoscientifiche, o che non sono appropriati secondo il suo insindacabile giudizio. Inviando il commento ti assumi la responsabilità del suo contenuto. Dopo la pubblicazione del commento Paolo non accetterà richieste di cancellazione.