giovedì 31 maggio 2007

L'esposizione incidentale alla scienza

Matthew Nisbet sul blog Framing Science parla del potenziale dei siti di social networking per raggiungere pubblico non tradizionale per la scienza. Una delle ragioni principali è che possono facilitare ciò che Nisbet definisce "incidental exposure":
The challenge then is to find ways to "incidentally" expose audiences to science in places where they are not looking for it, playing on their strong entertainment-centric predispositions to guide Web surfers, channel jockeys, and book browsers back to science-rich content.
Un altro esempio di esposizione incidentale è la mia proposta di intrattenere i giovani con la scienza.

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti sono moderati e richiedono l'approvazione di Paolo Amoroso prima della pubblicazione. Paolo si riserva di rifiutare quelli contenenti spam, insulti, farneticazioni pseudoscientifiche, o che non sono appropriati secondo il suo insindacabile giudizio. Inviando il commento ti assumi la responsabilità del suo contenuto. Dopo la pubblicazione del commento Paolo non accetterà richieste di cancellazione.