domenica 27 maggio 2007

Cheap Outreach, la comunicazione scientifica con pochi mezzi e molta creatività

Ho definito Big Outreach la comunicazione scientifica in stile Big Science. Definisco quindi Cheap Outreach il suo contrario, cioè la comunicazione scientifica realizzata con pochi fondi, risorse limitate, mezzi semplici e poco personale, ma con molta creatività ed entusiasmo.

Ne offre un esempio Andrea Capocci sul blog Free lance - diario di uno scienziato flessibile parlando di un incontro nell'ambito della manifestazione Scienza3 a Roma. Capocci riferisce del Museo della Scienza presso la scuola elementare primaria "Fratelli Bandiera" di Roma, interamente allestito dai bambini che fanno anche da guida ai visitatori.

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti sono moderati e richiedono l'approvazione di Paolo Amoroso prima della pubblicazione. Paolo si riserva di rifiutare quelli contenenti spam, insulti, farneticazioni pseudoscientifiche, o che non sono appropriati secondo il suo insindacabile giudizio. Inviando il commento ti assumi la responsabilità del suo contenuto. Dopo la pubblicazione del commento Paolo non accetterà richieste di cancellazione.