giovedì 3 maggio 2007

Studenti delle medie più interessati alla scienza se vengono da ceti svantaggiati

Gli studenti di scuola media provenienti da ceti sociali svantaggiati apprendono e apprezzano la scienza e la tecnologia più di quelli dei ceti agiati. Lo rivela un rapporto della Fondazione IDIS - Città della Scienza di Napoli che sarà presentato oggi (segnalato dal blog Caffè News).

Il rapporto riguarda una ricerca basata su 600 giovani fra i 10 e i 16 anni di 11 scuole della zona di Napoli, spesso in situazioni di evasione scolastica, microcriminalità e tossicodipendenze. Sembra che gli studenti dei ceti svantaggiati abbiano una maggiore capacità di approfittare di occasioni formative da attività di apprendimento non formali e informali, come i moderni science center e i parchi naturalistici.

La buona notizia è che questi risultati sull'interesse dei giovani per la scienza e la tecnologia sono incoraggianti. La cattiva notizia è che le strategie educative per approfittarne richiedono notevoli sforzi, strutture e risorse, cioè Big Outreach, che sono difficili da trovare in Italia.

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti sono moderati e richiedono l'approvazione di Paolo Amoroso prima della pubblicazione. Paolo si riserva di rifiutare quelli contenenti spam, insulti, farneticazioni pseudoscientifiche, o che non sono appropriati secondo il suo insindacabile giudizio. Inviando il commento ti assumi la responsabilità del suo contenuto. Dopo la pubblicazione del commento Paolo non accetterà richieste di cancellazione.