martedì 1 maggio 2007

I precari della comunicazione scientifica

L'iconografia del Primo Maggio sarebbe da aggiornare. Oltre a immagini di braccianti agricoli e operai, nei manifesti dovrebbero apparire anche i lavoratori della conoscenza, fra cui gli scienziati e i ricercatori.

Il giorno della festa dei lavoratori segnalo dunque il blog Free lance - diario di uno scienziato flessibile di Andrea Capocci, assegnista all'Università "La Sapienza" di Roma. È una cronaca sconfortante e surreale del mondo della ricerca scientifica in Italia, riferita da un testimone e protagonista sua malgrado.

Il blog racconta storie di precariato, stipendi bassi, mancanza di prospettive e sicurezza, nomine politiche, incompetenza e burocrazia comuni ad altre categorie di lavoratori. ma meno note per le attività legate alla scienza.

Sono problemi condivisi anche da chi si occupa di comunicazione scientifica, per la quale le risorse disponibili e l'attenzione sono forse ancora minori.

P.S.
Il correttore ortografico di Blogger conosce le parole "assegnista" e "precariato", che non ha indicato come errori in questo post. Un segno dei tempi?

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti sono moderati e richiedono l'approvazione di Paolo Amoroso prima della pubblicazione. Paolo si riserva di rifiutare quelli contenenti spam, insulti, farneticazioni pseudoscientifiche, o che non sono appropriati secondo il suo insindacabile giudizio. Inviando il commento ti assumi la responsabilità del suo contenuto. Dopo la pubblicazione del commento Paolo non accetterà richieste di cancellazione.