mercoledì 30 luglio 2008

Consiglio Wikipedia perché offre sintesi introduttive raccolte con un processo verificabile

Vuoi una panoramica su un argomento che non conosci o di cui sai poco. Puoi usare un computer collegato a Internet. Cosa fai? Probabilmente inizieresti da una ricerca con Google.

Individueresti i siti più promettenti. Studieresti alcune delle pagine trovate selezionando informazioni di base ed esposizioni introduttive. Consulteresti fonti non in rete come libri e riviste per un quadro più completo e un maggiore repertorio di opinioni. Prenderesti appunti per organizzare il materiale e ricordare i punti più importanti.

Una comunità internazionale di volontari svolge questa attività per moltissimi argomenti e raccoglie i risultati nella Wikipedia. La consiglio spesso per introduzioni divulgative a temi scientifici, e includo link a suoi articoli nel mio blog, perché riproduce il processo sistematico di ricerca di informazioni online.

In generale un articolo della Wikipedia è più utile di una semplice ricerca online perché:
  • il paragrafo introduttivo fornisce una panoramica sintetica, chiara e completa che si può leggere rapidamente
  • organizza le informazioni per facilitare la consultazione, spesso meglio dei siti web ufficiali citati nell'articolo
  • presenta il contesto e cenni storici
  • raccoglie in un'unica pagina notizie, foto e dati sparsi in molte fonti separate
  • cita fonti e riferimenti bibliografici
  • documenta il processo di raccolta delle informazioni, selezione delle fonti e revisione del testo

4 commenti:

  1. Attenzione però a prendere per oro colato gli articoli di wikipedia... spesso poco corretti.
    Io avevo trovato errori sulla biografia di Galileo e sulla pagina dedicata alla Luna, ma c'è ne sono molti altri...
    Purtroppo la filosofia di wikipedia la lascia esposta a facili modifiche, i ragazzi di Perle complottiste ne stanno portando parecchie alla luce
    http://complottismo.blogspot.com/

    RispondiElimina
  2. Nicolò: so che non tutto quello che c'è scritto su Wikipedia non è corretto, e che si presta a manipolazioni. Non ho invitato a prendere per oro colato i suoi articoli.

    Ma anche una ricerca di informazioni da parte di chi non conosce un argomento può restituire materiale di dubbia attendibilità. Il senso critico non deve mai mancare, soprattutto se si vuole approfondire un argomento invece di accontantarsi di una panoramica generale.

    Grazie della segnalazione.

    RispondiElimina
  3. Nicolò: ho esaminato l'archivio del blog Perle Complottiste che hai segnalato. I post su errori e manipolazioni in articoli della Wikipedia riguardano temi complottisti e "verità alternative" che si prestano a controversie e strumentalizzazioni politiche o ideologiche: JFK, il nonno di Bush e Hitler, gli attentati dell'11/9, il terrorismo. Concordo con te: quegli articoli sono tutt'altro che oro colato, e mi guardo bene dal consigliarli.

    RispondiElimina
  4. si Paolo,
    ovviamente i temi caldi sono i più esposti, ma dimostrano la scarsa attenzione alla correzione che c'è su wikipedia.

    POi come dicevo anche le pagine di Galileo, o di Cassini (astronomo) l'ultima volta che le ho lette erano migliorabili...

    Non voglio assolutamente schierarmi contro, come dici serve molto senso critico, forse era più un mio sfogo sull'era del
    copia-incolla :-D strumento sempre più utilizzato anche da chi dovrebbe divulgare... ma sto andando OT

    RispondiElimina

I commenti sono moderati e richiedono l'approvazione di Paolo Amoroso prima della pubblicazione. Paolo si riserva di rifiutare quelli contenenti spam, insulti, farneticazioni pseudoscientifiche, o che non sono appropriati secondo il suo insindacabile giudizio. Inviando il commento ti assumi la responsabilità del suo contenuto. Dopo la pubblicazione del commento Paolo non accetterà richieste di cancellazione.