mercoledì 3 gennaio 2007

I ricchi che sognano la scienza sono considerati eccentrici

Alcune persone facoltose, ricche di sogni oltre che di denaro, sono appassionate di scienza e tecnologia. Finanziano di tasca propria la ricerca scientifica, avventure di esplorazione o progetti di sviluppo tecnologico.

Ne è un esempio il cofondatore di Microsoft Paul Allen che ha finanziato la realizzazione di SpaceShipOne, la prima navicella spaziale con equipaggio privata, e il SETI Institute per la ricerca di vita nell'universo. O i turisti spaziali come l'imprenditrice Anousheh Ansari, la cui famiglia ha istituito il premio X Prize per incoraggiare nuovi traguardi astronautici.

Che atteggiamento hanno i media -- e la società -- nei confronti di queste persone? Ho l'impressione che vengano considerati miliardari eccentrici, trattati con ironia e criticati per il tempo e le risorse che sprecano.

Quando concluderò alcuni affari che ho in corso alle isole Kayman avrò anch'io qualche milione in più da spendere, quindi è utile sapere quali attività sono considerate normali per una persona facoltosa. La croncaca è ricca di spunti: frequentare locali esclusivi, avere rapporti con i potenti, consumare cocaina, comprare squadre di calcio...

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti sono moderati e richiedono l'approvazione di Paolo Amoroso prima della pubblicazione. Paolo si riserva di rifiutare quelli contenenti spam, insulti, farneticazioni pseudoscientifiche, o che non sono appropriati secondo il suo insindacabile giudizio. Inviando il commento ti assumi la responsabilità del suo contenuto. Dopo la pubblicazione del commento Paolo non accetterà richieste di cancellazione.