lunedì 1 gennaio 2007

Non perdiamo di vista la forza ispiratrice di Sagan

Qualcuno sostiene che l'astronomo e divulgatore scientifico Carl Sagan (1934-1996) avesse una visione semplicistica della storia. Altri ne criticano la retorica, lo accusano di crudo materialismo, o temono che il pubblico possa fraintendere alcune sue posizioni personali.

Ma che importa? Queste critiche -- velate di invidia? -- ad aspetti secondari del pensiero di Sagan, che non era uno storico o un letterato, non devono far perdere di vista il suo straordinario ruolo di divulgatore e ispiratore. Ha trasmesso il suo entusiasmo a molti, me compreso. La lettura del libro di Sagan Cosmos è ancora un mio intenso ricordo giovanile.

Se qualche storico o letterato è altrettanto capace di avvicinare il pubblico alla scienza, si faccia avanti.

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti sono moderati e richiedono l'approvazione di Paolo Amoroso prima della pubblicazione. Paolo si riserva di rifiutare quelli contenenti spam, insulti, farneticazioni pseudoscientifiche, o che non sono appropriati secondo il suo insindacabile giudizio. Inviando il commento ti assumi la responsabilità del suo contenuto. Dopo la pubblicazione del commento Paolo non accetterà richieste di cancellazione.