lunedì 22 gennaio 2007

Il pubblico si addormenta? Nulla di personale

Se qualcuno si addormenta durante le tue conferenze, non è detto che sia per noia o mancanza di interesse. Il premio Nobel per la medicina Peter Medawar, nel libro Consigli a un giovane scienziato, scrisse a proposito della presentazione dei risultati scientifici a congressi e seminari:
[...] Bisogna aggiungere che in una sala di conferenze male ventilata, il sonno è molto spesso dovuto a mancanza di ossigeno e non necessariamente a noia.

Se però il pubblico dorme durante le sue presentazioni, l'oratore deve cercare di trarre conforto dalla considerazione che nessun sonno è così profondamente ristoratore come quello che Morfeo ci invita a godere durante le conferenze. Dal punto di vista fisiologico è incredibile con quanta rapidità si possano rimediare, sonnecchiando per pochi minuti ogni tanto, le devastazioni prodotte da una notte insonne o da una lunga giornata di lavoro.
Ci sono circostanze e limiti fisiologici all'attenzione che possono causare o favorire il sonno durante una conferenza:

  • Stanchezza - Specie se gli spettatori hanno camminato a lungo o salito molte scale in precedenza.
  • Età - Bambini e anziani possono avere minore resistenza.
  • Ambiente - Temperatura, ventilazione e illuminazione del locale in cui si svolge l'evento.
  • Posizione - Sedie scomode o necessità di rimanere in piedi per mancanza di posti a sedere.
  • Orario - La resistenza diminuisce nella seconda parte della giornata o quando si è a digiuno.
Questi fattori non devono però fornire agli oratori alibi per risultare noiosi. Una tesina di Mattia Galdiolo, studente di sociologia della comunicazione, esamina alcuni aspetti sociologici della noia in lezioni e conferenze.

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti sono moderati e richiedono l'approvazione di Paolo Amoroso prima della pubblicazione. Paolo si riserva di rifiutare quelli contenenti spam, insulti, farneticazioni pseudoscientifiche, o che non sono appropriati secondo il suo insindacabile giudizio. Inviando il commento ti assumi la responsabilità del suo contenuto. Dopo la pubblicazione del commento Paolo non accetterà richieste di cancellazione.