venerdì 22 giugno 2007

Perché non vendere libri scientifici nei supermercati?

Il vecchio amico Mauro Arpino mi segnala il boom di vendite di libri nei supermercati italiani e si chiede perché non vendano anche titoli di divulgazione scientifica. La grande distribuzione potrebbe essere un canale promettente per aumentare l'esposizione incidentale alla scienza.

Perché non viene fatto? Per mancanza di spirito imprenditoriale nel settore editoriale? Si sottovalutano gli interessi culturali del pubblico? I distributori o i librai vogliono mantenere l'esclusiva? O forse sono già stati realizzati esperimenti senza successo? Se hai informazioni in proposito, sarei interessato a conoscerle.

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti sono moderati e richiedono l'approvazione di Paolo Amoroso prima della pubblicazione. Paolo si riserva di rifiutare quelli contenenti spam, insulti, farneticazioni pseudoscientifiche, o che non sono appropriati secondo il suo insindacabile giudizio. Inviando il commento ti assumi la responsabilità del suo contenuto. Dopo la pubblicazione del commento Paolo non accetterà richieste di cancellazione.