lunedì 10 dicembre 2007

Ricorda al pubblico i costi della scienza spiegandone il contesto e l'entità

L'americano medio pensa che la NASA riceva 1/4 del bilancio federale (segnalato dal blog Bad Astronomy). Non ho dati sulle convinzioni dei cittadini europei, ma non mi meraviglierei se fossero simili. Forse questo spiega perché molti considerano eccessive le spese per le attività spaziali.

In realtà nel 2007 la NASA ha ricevuto lo 0,58% circa del bilancio federale. Il dato ristabilisce il contesto per valutare l'utilità e l'efficacia delle spese spaziali, ma non basta. Per aiutare il pubblico a capire l'entità di queste cifre è utile parlare dei costi delle grandi imprese scientifiche e tecnologiche confrontandoli con quelli di altre attività umane.

Per questo sono particolarmente efficaci confronti come quello riferito da Claudia Di Giorgio nel blog Storie spaziali:
[...] l'Europa, tutta insieme, e nell'arco di quasi dieci anni, ha speso per la Stazione spaziale l'equivalente della costruzione del piano preliminare per 200 chilometri di autostrade italiane.

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti sono moderati e richiedono l'approvazione di Paolo Amoroso prima della pubblicazione. Paolo si riserva di rifiutare quelli contenenti spam, insulti, farneticazioni pseudoscientifiche, o che non sono appropriati secondo il suo insindacabile giudizio. Inviando il commento ti assumi la responsabilità del suo contenuto. Dopo la pubblicazione del commento Paolo non accetterà richieste di cancellazione.