domenica 25 maggio 2008

Il timore di azioni legali scoraggia l'osservazione pubblica del Sole

Un divulgatore dell'astronomia americano chiede alla mailing list DOME-L sui planetari consigli per osservazioni pubbliche del Sole in sicurezza al telescopio. Lascia intendere che vuole cautelarsi da possibili azioni legali di chi, non interpretando correttamente le indicazioni degli esperti, subisca danni alla vista.

I produttori di giochi scientifici e kit di piccolo chimico stanno eliminando sostanze potenzialmente infiammabili, tossiche o pericolose per evitare responsabilità in caso di incidenti negli esperimenti.

Anche l'astronomia sta diventando una scienza pericolosa? Dovremo sconsigliare le osservazioni del cielo perché qualcuno può farsi male al buio? Mi fa piacere che in Italia si possa ancora usare il buon senso, e gli eccessi della litigiosità legale americana non ostacolino -- ancora -- la didattica e la divulgazione scientifica.

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti sono moderati e richiedono l'approvazione di Paolo Amoroso prima della pubblicazione. Paolo si riserva di rifiutare quelli contenenti spam, insulti, farneticazioni pseudoscientifiche, o che non sono appropriati secondo il suo insindacabile giudizio. Inviando il commento ti assumi la responsabilità del suo contenuto. Dopo la pubblicazione del commento Paolo non accetterà richieste di cancellazione.